Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

La Tenda Rossa | 15 dicembre 2017

Scroll to top

Top

TARTUFO BIANCO DI SAN MINIATO

TARTUFO BIANCO DI SAN MINIATO

TARTUFO BIANCO DI SAN MINIATO E’ TORNATO ALLA NOSTRA TAVOLA !!!

Maria Salcuni, la nostra storica chef, lo definisce il diamante della terra ce lo propone in abbinamento a carni, uova e porcini e cioccolata…insomma una vera prelibatezza per piatti di grande equilibrio.

MENU’ AL TARTUFO BIANCO DI SAN MINIATO

vela al tartufo bianco di San Miniato
acciuga del Mar Cantabrico al tartufo • burrata • peschiole al tartufo

L’insalata di …
funghi porcini • valeriana • pesche • salsa di tuorlo d’uovo • tartufo uncinato

tortelli di tartufo bianco di San Miniato

ossobuco cotto con uva bianca
animelle fritte • porro • peschiole al tartufo • capperi • tartufo uncinato

pane alle noci con miele al tartufo

soffice di cioccolato bianco e tartufo bianco di San Miniato
con biscotto alle mandorle e zibibbo

€ 130
〈il prezzo può subire variazioni in base al prezzo di mercato del tartufo〉

la tenda rossa-prenota grigio


Se desideri acquistare del tartufo contattaci 055 826132 info@latendarossa.it


video di Maria Salcuni che prepara i tortelli al tartufo guarda il video


#lacartadeltartufo #tendarossa

 

la tenda rossa - tartufo 6

LA TOSCANA È UNA DELLE REGIONI ITALIANE PIÙ IMPORTANTI PER LA PRODUZIONE DI TARTUFI.

La raccolta riguarda sia il Tartufo Bianco (Tuber magnatum Pico), il più pregiato, che altre specie variamente diffuse sul territorio regionale, quali il Tartufo Marzuolo (Tuber borchii Vitt), il Tartufo Nero Scorzone (Tuber aestivum Vitt), il Tartufo Nero Uncinato (Tuber uncinatum), il Tartufo Nero pregiato (Tuber melanosporum Vitt), il Tartufo Nero d’inverno (Tuber brumale Vitt) e il Tartufo Nero Liscio (Tuber Macrosporium Vitt.). L’importanza del tartufo è data anche dalla presenza di un numero considerevole di raccoglitori, circa 3500.

TUBER MAGNATUM PICO  → Tartufo Bianco pregiato
Peridio: liscio, di colore giallo chiaro, talvolta con tonalità verdastre o giallo-ocra.
Gleba: giallastra con tonalità nocciola o marrone, talvolta con punteggiature di color rosso, attraversata da una fitta trama di venature bianche molto sottili.
Forma: può essere tondeggiante o anche molto lobato, o decisamente schiacciato, secondo il tipo di terreno in cui il tartufo è cresciuto.
Dimensioni: questa specie ha dimensioni molto variabili, con esemplari che possono raggiungere pezzature anche di diversi etti e persino superare un chilo di peso.
Periodo di maturazione: da settembre a dicembre.
Come si riconosce: per il peridio liscio, i colori chiari, il profumo inconfondibile, il periodo di sviluppo autunnale.

TUBER BORCHII VITT. O TUBER ALBIDUM PICO  →  Bianchetto o Marzuolo
Peridio: liscio, di colore chiaro, variabile dal bianco-ocra al rossiccio.
Gleba: chiara tendente al fulvo fino al bruno, con venature bianche larghe e poco numerose.
Forma: variabile, tondeggiante se il tartufo è cresciuto in terreni sabbiosi, talvolta irregolare, con superficie gibbosa.
Dimensioni: piuttosto ridotte, come una nocciola o poco più, ma può arrivare fino alla grandezza di un uovo. Periodo di maturazione: da gennaio ad aprile.
Come si riconosce: per il peridio liscio, i colori chiari o rossicci, le piccole dimensioni, il profumo agliaceo, l’epoca di sviluppo tardo invernale-primaverile.

TUBER AESTIVUM VITT.   →  Scorzone
Peridio: verrucoso, formato da verruche sporgenti, grossolane e appuntite all’estremità, di colore nero.
Gleba: nocciola con sfumature giallastre, attraversata da venature bianche molto ramificate, più o meno fini.
Forma: generalmente tondeggiante. Dimensioni: lo scorzone ha una pezzatura media piuttosto elevata; talvolta alcuni esemplari possono raggiungere il mezzo chilo di peso. Periodo di maturazione: da giugno a novembre.
Come si riconosce: per il peridio grossolanamente verrucoso (da cui il nome di “scorzone”), la gleba più chiara rispetto alle altre specie di “tartufi neri”, le dimensioni generalmente elevate e, soprattutto, il periodo di maturazione prevalentemente estivo.

TUBER UNCINATUM CHATIN  →  Tartufo uncinato Chatin
Peridio: verrucoso, costituito da verruche nere più piccole e meno accentuate rispetto allo scorzone.
Gleba: nocciola, attraversata da venature bianche molto ramificate, più o meno fini.
Forma: variabile, tondeggiante ma anche schiacciata.
Dimensioni: tendenzialmente più ridotte rispetto allo scorzone.
Periodo di maturazione: da ottobre a dicembre.
Come si riconosce: è molto simile al tartufo scorzone, tanto che, secondo alcuni studiosi, sarebbe una varietà autunnale dello stesso. Le differenze, non sempre facilmente percepibili, sono legate all’aspetto del tartufo (peridio, gleba, forma e dimensioni), al profumo e, soprattutto, al periodo di maturazione più tardivo.

TUBER MELANOSPORUM VITT.   →  Tartufo nero pregiato
Peridio: verrucoso, formato da verruche piccole e poco pronunciate, di colore nero.
Gleba: nero-violacea negli esemplari maturi, con venature bianche e fini, che tendono a diventare rossicce all’aria e a scomparire con la cottura.
Forma: di solito tondeggiante, ma anche irregolare o lobata.
Dimensioni: variabili, da quelle di una nocciola a quelle di un’arancia, raramente più elevate. Periodo di maturazione: da novembre a marzo.
Come si riconosce: per le verruche piccole e poco pronunciate del peridio, per il colore scuro con tonalità violacee della gleba e per il profumo dolce.

TUBER BRUMALE VITT. VAR. MOSCHATUM DE FERRY   →  Invernale
Peridio: verrucoso, costituito da verruche nere piccole e poco rilevate.
Gleba: grigio brunastra, attraversata da evidenti venature bianche, larghe e rade.
Forma: generalmente globosa.
Dimensioni: tendenzialmente piccole, mediamente come quelle di una noce.
Periodo di maturazione: da gennaio a marzo.
Come si riconosce: è simile al tartufo nero pregiato, e presenta uno spiccato odore di muschio.

TUBER MACROSPORUM VITT.   →  Tartufo Nero liscio
Peridio: compatto, esternamente bruno-rossastro, diventa bruno nerastro a maturazione avvenuta. Le verruche sono minute, appena percettibili al tatto.
Gleba: compatta dapprima bianca poi giallo rossastra, bruno-purpurea, con numerose venature chiare.
Forma: globosa, bitorzoluta.
Dimensioni: grandezza non superiore a un uovo.
Periodo di maturazione: estate, autunno.
Come si riconosce: per il peridio liscio, odore gradevole, agliaceo, sapore gustoso, simile a quello di T. magnatum Pico.

INFO E PRENOTAZIONI

captcha