Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

La Tenda Rossa | 31 marzo 2020

Scroll to top

Top

30 GENNAIO – PRUNOTTO – ANTINORI

la tenda rossa - prunotto

la tenda rossa-evento già successo

VENERDI’ 30 GENNAIO 2015 ORE 20.30

BARBERA & BAROLO

PRUNOTTO

La cena degustazione avrà inizio dalle ore 20.30 e Emanuele Baldi ci guiderà nella degustazione dei Barbera e Barolo di Prunotto storica azienda nelle langhe in Piemonte acquisita dalla famiglia Antinori nel 1989.

I vini che assaggeremo saranno:

Conte Aimo – Montenisa

blanc de noir →franciacorta →limitata produzione →solo in magnum

Bussia   2009   2005    2001

barolo →il 2009 ha preso 96 punti parker

Costamiole   1996 1998 1997

barbera d’asti

Moscato naturale


costo della serata euro 120 • per ricevere in dettaglio menù e vini inviaci una mail

La prenotazione è necessaria ai seguenti recapiti:

Ristorante La Tenda Rossa tel. 055 826132
email: ristorante@latendarossa.it


Questo slideshow richiede JavaScript.

STORIA DELL’AZIENDA PRUNOTTO

Nel 1904, nella sala consiliare del comune di Serralunga, ed alla presenza del Notaio Giacomo Oddero e di un giovane Teste Alfredo Prunotto si costituisce la Cantina Sociale “Ai Vini delle Langhe”. Fra i partecipanti all’atto costitutivo vi erano personaggi che hanno lasciato un segno nelle vicende di Alba e dei comuni di langa e dei piccoli produttori di zona. La prima vendemmia fu quella del 1905.

Nel 1922 alla scadenza della ricostituzione della Cantina Sociale molti soci, nonostante l’annata fosse eccezionale, decidono di non conferire più le proprie uve. La Cantina inizia ad avere seri problemi economici e viene posta in liquidazione. In questo frangente ritroviamo il giovane Alfredo Prunotto, che nel frattempo aveva iniziato a lavorare in un‘importante cantina dell’Albese. Qui conosce Luigina, i due si innamorano e si sposano.

Nel 1923 decidono di rilevare la Cantina Sociale “ai Vini delle Langhe” dandole il nome di Alfredo Prunotto e grazie alla loro passione diviene ben presto famosa iniziando a esportare i loro vini in tutto il mondo.

Nel 1956 Alfredo Prunotto decide di ritirarsi dagli affari cedendo l’azienda al suo amico Enotecnico Beppe Colla affiancato inizialmente da Carlo Filiberti e in un secondo tempo dal fratello Tino Colla. La cantina Prunotto, nel 1961, inizia la politica di individuazione di zone tipiche pregiate di produzione per la vinificazione separata dei cru, primo tra questi per esempio il Barolo Bussia. Nel 1972, Ugo della Piana architetto di origine langarole, progetto la costruzione della nuova cantina appena fuori Alba, nell’attuale sede. Ad oltre trent’anni di distanza conserva un suo fascino particolare di linee e profili esemplari.

Nel 1989 la casa vinicola toscana Antinori rileva l’azienda occupandosi dapprima della distribuzione e poi, nel 1994, con il ritiro dei fratelli Colla, anche direttamente della produzione, mantenendo l’eccellente livello qualitativo fortemente voluto da Alfredo Prunotto.

E’ Albiera Antinori, la primogenita del marchese Piero Antinori a delineare ulteriormente la personalità della casa vinicola, dedicandole particolare attenzione. Le acquisizioni, che erano iniziate con il vigneto di Bussia nella zona di Monforte per il Barolo, proseguono ad Agliano con il vigneto Costamiole per la produzione di Barbera d’Asti ed a Calliano per lo studio e l’analisi di nuovi vigneti quali Albarossa e  Shiraz.

Prunotto adesso possiede splendidi vigneti nelle migliori zone ed una struttura produttiva, ampliata nel 2000 e dotata delle più moderne tecnologie che garantisce la massima qualità dei vini. Vini che hanno conquistato una posizione di rilievo nel panorama nazionale ed internazionale. Questa è la storia recente e che continuerà nel terzo millennio.

INFO

Nome *

Email *

N. di persone *

Giorno *

Telefono/Cellulare *

Messaggio

PRIVACY: Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e successive modifiche, si dichiara che i dati vengono raccolti con la finalità di comunicare informazioni su nostre iniziative. Tali dati verranno trattati elettronicamente in conformità con le leggi vigenti. L’interessato gode dei diritti di cui all’art.7 del suddetto decreto; quindi in ogni momento può consultare, modificare e cancellare i propri dati scrivendo a ristorante@latendarossa.it.
Titolare del trattamento, ai sensi dell’art. 28 del citato D. Lgs. 196/2003, è G.R.A. di Santandrea Natascia & s.n.c.